Il mio corpo donato

La Chiesa, dopo averci introdotti nella storia di Gesù, sottolinea un aspetto della nostra vita cristiana che, essendo frequente, può far correre il rischio di farne perdere tutta la sua consistenza.

 

È la riflessione che ci è offerta dal testo del Vangelo, attraverso le immagini “del mangiare e del bere il corpo e il sangue del Signore”, ci orienta a una esatta comprensione del mistero eucaristico che non è semplicemente “accostarci alla comunione”, ma è il luogo per crescere nella nostra umanità in Cristo Gesù.

Cosa vuol dire infatti la parola “mangiare e bere”? Il punto di partenza è che l'uomo non può vivere, anche dal punto di vista umano, se non si accosta a un cibo solido e a una bevanda liquida. Il mangiare e il bere è la condizione per costruire la nostra esistenza e, di riflesso, avere la capacità di poter vivere. Ora Gesù, nel momento in cui ha detto che occorre mangiare e bere, parte da questa lettura umana. La forza del mangiare e del bere è la gioia di maturare in tutte le nostre facoltà nel mistero della nostra identità umana.

Ora, chi è il cristiano? Se guardiamo attentamente il cristiano è colui che è il volto vivente di Cristo. La bellezza di essere discepoli è di essere la vivente personalità di Gesù. Nel momento in cui siamo rinati dall'acqua e dallo Spirito Santo Cristo è diventato il Vivente e, questa presenza di Gesù, è una realtà che deve continuamente crescere. Noi tante volte pensiamo che quando veniamo battezzati, in quel momento, siamo figli di Dio, ma se guardiamo attentamente la letteratura giovannea occorre operare una sfumatura: nel battesimo nasciamo da Dio, ma dobbiamo progressivamente diventare figli di Dio.

Siamo il volto di Gesù destinato a diventare la luminosità di Gesù: è la vocazione all'interno della nostra esistenza. Quando Gesù ci ha detto che dobbiamo mangiare e bere il suo corpo e il suo sangue, parte dalla convinzione che la bellezza di appartenergli deve continuamente dilatarsi e svilupparsi attraverso il contatto con la sua persona e, allora, poiché Gesù vuole che noi realizziamo nella verità la nostra storia, egli ci ha detto che se vogliamo veramente vivere, quindi gustare la bellezza dell'eternità, noi dobbiamo continuamente mangiare e bere sacramentalmente il suo Corpo e il suo Sangue.

È il grande mistero della nostra vita: nati da Dio per grazia, diventati il volto vivente del Maestro, il Maestro vuole che cresciamo nella sua sensibilità, nella sua libertà, che cresciamo nella nostra identità, che è lui, e come noi possiamo diventare progressivamente il suo mistero se non mangiando e bevendo sacramentalmente il suo mistero?

Egli perciò diventa “pane” per entrare nella nostra vita, diventa “vino” per inebriare la nostra vita.

Il mistero eucaristico ha di mira la luminosità dell'uomo e che l'uomo possa continuamente ricrearsi nella sua identità umana. Ecco perché sono partito da cosa vuol dire mangiare e bere dal punto di vista umano… è nient'altro che rifare continuamente quelle cellule che muoiono e devono essere continuamente rigenerate, così le cellule di Cristo che sono in noi devono essere continuamente rigenerate dalla totalità della persona di Gesù, ecco perché Gesù ha detto “mangiare e bere”.

La pienezza della nostra umanità passa attraverso il Cristo che, nella pienezza del nutrimento, rifà la nostra esistenza. Quindi l’accostarci alla comunione non è un fatto devozionale! O usando un linguaggio che noi abbiamo ereditato dal passato: avere più grazia!

La bellezza dell'eucaristia è la luminosità dinamica della nostra personalità teologale per cui, in ultima analisi, il mistero eucaristico è il mistero dell'amore di Dio che volendo fare di noi il suo luminoso capolavoro diventa pane e vino per continuamente riedificare la nostra esistenza.

Noi non andiamo a fare la comunione, ma il Cristo con le sue mani prende quel pane, in quel pane fa passare il suo mistero come nel vino perché, portandolo davanti a noi, porgendoci quel pane e quel vino Egli vuole entrare in noi per fare di noi sempre più la luminosità del suo volto.

E allora la bellezza dell'eucaristia è una bellissima professione di fede. Paolo lo ha detto molto bene nel brano che abbiamo ascoltato quando ci ha detto: “il calice della benedizione che noi benediciamo non è forse comunione con il sangue di Cristo? Il pane che noi spezziamo non è forse comunione con il corpo di Cristo”? Calice della benedizione, pane spezzato, Sangue e Corpo e quindi la bellezza dell'eucaristia è il rifacimento, il rinnovamento inesauribile della nostra esistenza perché le potenze del Signore divengano l'anima del cuore, della mente, della nostra sensibilità in una luminosità spirituale che ci qualifica in modo profondo. Ecco la bellezza dell'eucaristia!

E allora, se vogliamo veramente cogliere tutto il mistero, scopriamo a livello interiore un dinamismo molto bello: il Signore che è in noi, in forza del battesimo, si fa desiderare da noi. Il Cristo ci porta qui in chiesa perché vuole che noi desideriamo arricchirci nella sua presenza. Il Signore si rende presente, diventa pane e vino, e risponde al desiderio che lui ha messo in noi e, allora, la bellezza dell'eucaristia, del Cristo luminoso, che ci ha resi tali nel battesimo ci rigenera in questa novità di vita nell'eucaristia per poter accedere alla vita eterna quando, nella realtà del paradiso, con gli occhi innamorati noi mangeremo e berremo eternamente il volto del Signore Gesù in un canto di lode al Padre veramente inesauribile!

Ecco perché Gesù ha detto che occorre mangiare bere per pregustare questa sua signoria nella nostra vita fino alla grande visione di gloria e, allora, noi siamo in Cristo, il Cristo alimenta la nostra vita, diventiamo sempre più Cristo e già da ora gustiamo l'eternità beata.

Se noi riuscissimo ad entrare in questa meravigliosa esperienza ci accorgeremmo che la bellezza dell'eucaristia è crescere nel gusto della nostra umanità. Cristo è il vero uomo, nell'eucaristia ci ha regalato la bellezza della sua umanità gloriosa perché cresciamo in questo ineffabile mistero.

Mons. Antonio Donghi